Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

noHiPSTER | September 20, 2017

Scroll to top

Top

The Mohawks . The Champ (1968)

noHiPSTER
  • Pubblicato: 4 settembre 2016
  • http://www.nohipster.it

Review Overview

Quando vorresti solo il Sole
9
Vorresti solo un panino
8.5
Vorresti solo il Mare
7.5
Ed invece è ovunque musica
8.5
8.4

Colore: Lavanda

"Non sono mai stati una vera band, non hanno mai fatto un concerto, o una Tournée. Quando Alan era qui, lui sedeva all'organo e semplicemente iniziava a suonare, non credo avesse idea di quello che stava facendo, né avesse un obiettivo verò e proprio... ciò che facevano, naturalmente, era suonare... punto"

The Mohawks LAVANDA DISCOnoSfondo

The Champ

Data di Rilascio: 2015

  Tendenzialmente l’estate è il periodo in cui si ascolta più musica.  Musica brutta. Il campo vibrante generato da questo eccessivo ascolto magnetizza e sovraccarica la nostra percezione, friggendoci il cervello. Non distinguendo più i suoni dagli altri sensi, nel loop perenne e continuo, i brani assumono le forme fisiche e concrete di beni di seconda e terza necessità: essi diventano all’occorrenza quindi un gelato, o un profumo, una crema solare, automobilecibo per cani, dentifricio, finanziarie bancarie, programmi elettorali o nel peggiore dei casi balli di gruppo. La musica diventa un unico grande spot pubblicitario Consumiamo i suoni come accendessimo un barbecue. Questo blocco mentale inibisce qualsiasi approccio sensato alla faccenda… finendone consumati noi stessi Sicché… consumato da quest’ennesima estate, niente su noHiPSTER è stato pubblicato per circa un paio di mesi, poiché il mio cervello era fritto. E lo è ancora. Ma, conscio che la musica stagionale è sempre esistita, sento la necessità di darvi una speranza di guarigione, attraverso rimedi d’altre epoche… ovviamente. Non sempre il fine di tutte le cose nel mondo è stato la circolazione compulsiva dei beni prodotti. Sono esistiti periodi storici nei quali, con spropositata fatica, alcuni uomini e donne sono riusciti a sganciarsi da questo circolo vizioso, realizzando ciò che orgogliosamente io definisco Arte Ora, non necessariamente quest’arte dimostra o spiega effettivamente questo tentativo. Per coglierlo ci sarebbe bisogno di un impegno da parte vostra: indagare sulla vita e le vicissitudini dei cosiddetti artisti. Certo è che l’arte dà ottimi indizi e suggerimenti. Chi fosse Alan Hawkshaw e chi fossero i The Mohawks, starebbe a voi scoprirlo, e del perché io li consideri artisti, starebbe a me spiegarlo… Come al solito però, ritengo che l’unico linguaggio utile a trasmettervi quest’informazione graviti immutabile nei pressi della sottile stoffa intrecciata che ricopre ogni diffusore audio, confine metafisico, da dove segnali elettrici ed impulsi scavallano il mondo materiale per tuffarsi nella nostra atmosfera sotto forma di suoni.   Buona Musica Estiva  

Pezzo Preferito: 06. Western Promise