Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

noHiPSTER | December 11, 2018

Scroll to top

Top

Nessun Commento

Jill Barber . Chansons (2013)

noHiPSTER
  • Pubblicato: 9 dicembre 2014
  • http://www.nohipster.it

Review Overview

A cena
8
Ristrutturando Casa
10
A pranzo
8
Durante la Rivoluzione
9
8.8

Colore: Ambra

Un album spensierato, scaricatasi di dosso l'ansia da palcoscenico, la ragazza fissa negli occhi i suoi maestri, mostrando loro ciò che hanno sempre voluto vedere.

Jill Barber [CAN]AMBRA DISCO

Chansons
Data di rilascio: 29 Gennaio 2013

 

Chansons è un album di covers.

Per chi non lo sapesse, una cover è una rispolverata ad un vecchio pezzo, prevalentemente ad uno Standard

Uno “Standard” è un caposaldo:

“Fly Me To The Moon” “La Divina Commedia” Shakespeare

Cose buone da sapere, spesso utilissime per citazioni d’effetto, perché di solito è a questo che si riducono.

A citazioni.

Se dico:

“Tutto il mondo è una palcoscenico, e gli uomini e le donne sono soltanto attori. Hanno le loro uscite come le loro entrate, e nella vita ognuno recita molte parti” Tutti annuiscono facendo “si, si, vero” Ecco: creare e preservare un caposaldo è tendenzialmente il tentativo di mantenere immortali uomini e donne. Perché ognuno di noi ha come obiettivo finale quello di mantenersi immortali, vero? Sinatra è immortale, Dante lo è pure.   No, non lo sono. Mantenersi immortali è prerogativa dei posteri, è per viventi. Dubito che William (o chi per lui) abbia scritto tutte quelle cose per diventare imperituro, e farci fare belle figure con delle citazioni. Io temo che piuttosto l’abbia fatto per insegnarci qualcosa. E se dico: “Tutto il mondo è una palcoscenico, e gli uomini e le donne sono soltanto attori. Hanno le loro uscite come le loro entrate, e nella vita ognuno recita molte parti” Cazzarola quì c’è un insegnamento

Noi posteri dovremmo stare un po’ più al nostro… posto. Esistono ancora molte “Jill Barber” che degli insegnamenti non fanno abitudine, bensì li plasmano a misura propria, ne modellano l’essenza rivelando sfaccettature nascoste, forse originariamente impreviste.

Abbandona il tetto familiare e ripudia i tuoi genitori L’inizio di ogni rivoluzione.   Tutti i ricordi che la mente può evocare insieme: Uno solo. Cosa ne penso? Che è questo il cammino. Cosa ne penso? Che sei incazzato lercio. Cosa ne penso? Che mi ammazza sentirlo ogni volta, e che quando finisce… … che peccato fratello. Ma peggio ancora sei distratto. Ti sei perso? In fondo a destra. Una buona giornata inizia da una buona cagata. La carta è finita da due settimane. I fogli elettronici graffiano. E quindi una doccia, che lavi dal peccato, dalla merda, La cosa migliore. La terra ti invoca ma non cerca nessun Dio. Musica forse, e dunque. Cosa ne penso fratello? Oh yeah, Oh yeah.  

Pezzo Preferito. 01. Petite Fleur      Official Site. http://www.jillbarber.com/

 

Invia un Commento

Connect with Facebook